I RATER APART sono:

  • professionisti – insieme ai RAM (Reputation Audit Manager) APART – qualificati a prestare servizi di consulenza per l’ottimizzazione del rating reputazionale di persone fisiche e giuridiche;
  • professionisti qualificati a svolgere un ruolo determinante per la prevenzione dei rischi, a tutela della sicurezza e per lo sviluppo economico.

I RATER APART collaborano con: 

  • Giuristi d’Impresa, Internal Auditor e Responsabili della Compliance di aziende ed enti, interessati all’adozione del Sistema CROP NEWS per profilare la reputazione degli interlocutori al fine di costruire l’esimente in procedimenti ex D.Lgs 231/2001 (responsabilità per gli illeciti amministrativi dipendenti da reato);
  • Amministratori Giudiziari, Avvocati, Commercialisti, Esperti Contabili, Consulenti del Lavoro, Notai, Revisori Legali, tutti interessati sia a tutelare la reputazione dei clienti, sia a conoscere la reale reputazione delle controparti, sia a determinare un deterrente degli inadempimenti contrattuali e l’abbattimento delle perdite su crediti (anche vantati verso i rispettivi clienti) mediante la previsione di una clausola contrattuale ad hoc che in caso di inadempimento prevede la pubblicazione di un profilo reputazionale contro la parte inadempiente con correlata pubblicazione di atti endoprocedimentali e di sentenze;
  • RAM (Reputation Audit Manager) APART, interessati a promuovere il rating reputazionale verso individui, imprese ed enti e ad offrire consulenza per la sua ottimizzazione.

Dalle sopra elencate collaborazioni i RATER APART traggono nuove relazioni e incrementano gli onorari professionali.

Quindi sintetizzando, i RATER APART hanno un ruolo triplice:

  1. promotori della qualificazione reputazionale di imprese, enti e individui, assistiti per le attività di validazione dei profili reputazionali dai RAM (Reputation Audit Manager) APART;
  2. consulenti di aziende ed enti clienti per l'adozione del Sistema di Qualificazione Reputazionale CROP NEWS al fine di ottimizzare i profili reputazionali dei rispettivi interlocutori (es. nel caso di un'associazione gli aspiranti soci; nel caso di un'azienda o ente i fornitori, clienti, aspiranti collaboratori o collaboratori in forza che partecipano volontariamente a programmi di valutazione del potenziale o a percorsi di carriera), per aumentare prevenzione dei rischi e sicurezza, costruendo al contempo l'esimente in funzione di procedimenti ex D.Lgs 231/2001 relativi alla responsabilità "in sede penale" di aziende, enti e associazioni che si aggiunge a quella della persona fisica che ha realizzato materialmente il fatto illecito (cfr. Reputazione: una nuova moneta da spendere - in particolare slide 7 e 15; Roadmap e Milestone List);
  3. consulenti dei clienti che creano/modificano i profili reputazionali per l'ottimizzazione del correlato rating a garanzia della rispettiva affidabilità nell'interesse della users community composta dai Soci dell'Associazione CROP NEWS ONLUS di cui i clienti sono parte.